Wikileaks, quando la notizia fa male